Quali certificazioni distinguono un'impresa edile improvvisata da una affidabile?

  • Autore: zaimi arben
  • 06 set, 2017
analisi di progetti edili

L’edilizia è probabilmente uno dei campi lavorativi nel quale avere determinate certificazioni porta a vantaggi o svantaggi, a seconda dei casi.

Una ditta individuale che vuole farsi strada in questo mondo deve nel tempo assemblare un prestigioso comparto di certificazioni, che gli permetteranno di intraprendere strade di diversa natura sempre più alte.

La certificazione SOA

Nello specifico abbiamo ad esempio la certificazione SOA per l’esecuzione di appalti di lavori indetti da Pubbliche Amministrazioni.

La Qualificazione SOA è un attestato obbligatorio, che certifica la capacità dell’impresa a concorrere ed eseguire opere pubbliche con importo maggiore a € 150.000,00.alte.

Chi la rilascia?

Viene rilasciata da enti specializzati, ed attesta che la ditta in questione può concorrere senza problemi in lavori da poter contrarre con la pubblica amministrazione.La Qualificazione SOA ha validità quinquennale, previa conferma allo scadere del primo triennio di validità, ed è il risultato di una accurata verifica dei sistemi e delle indennità di attestazione e qualifica che l’azienda deve dimostrare attraverso prove specifiche.

Tutti i documenti trasmessi all’organismo che attesterà la validità di questi ultimi saranno poi controllati da un ente specifico. I controlli verranno effettuati tramite apposite banche dati o sistemi informatici, così che la SOA abbia validità, conformità ed autenticità certificate.

Altre tipologie di certificazioni

Un altro tipo di certificazione assolutamente importante, specificatamente per tutte le imprese edili e non, è la cosiddetta ISO 9001.

La certificazione ISO 9001 dimostra che l’azienda è capace di rispondere in modo completo, esaustivo e coerente con ciò che dichiara alle aspettative del cliente. Per questo motivo molti acquirenti richiedono ditte ed aziende certificate secondo le norme ISO. In questo modo gli appaltatori o i richiedenti lavori hanno sempre una tangibile prova delle qualifiche della ditta in questione.

Un’azienda che ottiene la certificazione ISO 9001 sarà nel corso del tempo in grado di raggiungere ingenti e significativi obbiettivi per quanto riguarda la competenza lavorativa e l’efficienza organizzativa.

Qual è il suo scopo e quanto tempo occorre per ottenerla?

Il Sistema per la Gestione della Qualità è forse il più famoso ed utilizzato standard qualitativo utilizzato dalle aziende. Ad oggi si contano circa oltre un milione di aziende certificate in tutto il mondo. Lo standard dell’ISO 9001 è l’unico che può essere utilizzato per concorrere in una valutazione della conformità.

Solitamente una media azienda per poter raggiungere la certificazione di qualità dovrebbe impiegare un lasso di tempo non superiore ai 6 mesi totali. Questo grazie anche alla consulenza di una società di consulenza esterna.

I costi di gestione ed ottenimento della certificazione varieranno ovviamente a seconda dell’ente esterno al quale ci rivolgeremo e del tipo di controlli che dovranno effettuare.
Autore: zaimi arben 06 set, 2017

L’edilizia è probabilmente uno dei campi lavorativi nel quale avere determinate certificazioni porta a vantaggi o svantaggi, a seconda dei casi.

Una ditta individuale che vuole farsi strada in questo mondo deve nel tempo assemblare un prestigioso comparto di certificazioni, che gli permetteranno di intraprendere strade di diversa natura sempre più alte.
Autore: zaimi arben 16 ago, 2017

Nella Legge di Bilancio 2017, approvata in data 15 ottobre dal Consiglio dei Ministri, si fa riferimento ad alcuni prolungamenti di altrettante detrazioni fiscali. Tali detrazioni erano state inizialmente prolungate fino al 31 dicembre 2016, ma vista l’ampiezza di spesa ed i movimenti di mercato che sono intercorsi nel tempo, si è deciso per un prolungamento.

Questo non solo per incentivare i cittadini italiani ad usufruirne, ma anche per fornire un ottimo scivolo fiscale a coloro che si trovano in condizioni di ristrettezza economica.

Le detrazioni riguardano l’ambiente casalingo in particolare: analizziamole nello specifico.
Autore: zaimi arben 07 lug, 2017

L’amianto – o asbesto, come viene chiamato in mineralogia – è un insieme di elementi minerali facenti parte del gruppo dei silicati.

La sua composizione è formata da sottilissime fibre, e ne esistono di varia tipologia. Gli amianti più pericolosi sono gli anfiboli, fra cui possiamo distinguere la pericolosissima crocidolite.

Nel corso del tempo, fin dagli Anni ’30, l’amianto è stato utilizzato per le sue proprietà di costruzione e resistenza al calore. Sono state costruite intere strutture servendosi di pannelli in fibra di amianto, anche nel nostro Paese.
Share by:
.unifiednav__item-wrap{ ; }